Linkedin NON è Facebook

Social Media Marketing - Linkedin

Ve ne sarete sicuramente accorti anche voi, cosa compare negli ultimi tempi sulla vostra Home Linkedin?
Notizie inerenti al tuo campo lavorativo?
Notizie che possono esserti davvero utili per il tuo business?
Notizie che possono far accrescere il tuo sapere lavorativo?

Lasciatemi indovinare: NO. La risposta sarà NO.

E vi dirò anche di più, per esempio cosa invece vi trovate a dover visualizzare ogni volta che cliccate il tasto Home del vostro profilo Linkedin.

  • Notizie fuori luogo e dal basso contenuto informativo
  • Notizie che fanno semplicemente ridere (in tutti i sensi!)
  • Notizie che raccontano tutto, tranne qualcosa di utile a Te
  • Notizie che non ti interessano minimamenti

Insomma:
Notizie che trovi tutti i giorni su Facebook. La loro “vera casa”.

Perché questo?
Facile: perché (purtroppo) non sempre si ha in memoria la famosa e importante regola del social media.
Tra non molto Vi spiegherò cosa intendo.

Perché vi siete creati il vostro profilo Facebook?
Perché è il canale del fun, ossia del divertimento, nel quale poter scambiare quattro chiacchiere tra “Amici” (parola utilizzata per aggiungere contatti) e poter avere qualche attimo di svago.

Ottimo, mossa corretta!
Like/Mi piace a tutto ciò che fa scappare un sorriso, che dice cose giuste, che voglio sostenere ecc.

Ma metto Like/Mi piace a notizie perché possono essere utili al mio lavoro?
NO.
E perché?

Facile: semplicemente perché le inserzioni/notizie/post relativi all’ambito lavorativo non ci sono.
O meglio, forse qualcuna c’è, ma sembra così fuori luogo in quel social network che non viene nemmeno voglia di dare il Like.

E’ proprio qui che, secondo me, si pone la regola del social media.

Ogni social, da Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest, Google+, YouTube ha regole tacite proprie che ogni utente sottoscrive insonsapevolmente.
Tutti sappiamo cosa vogliamo dal singolo e tutti sappiamo cosa vogliamo leggervi quando accediamo.

Ma sembra che questo stia venendo meno in Linkedin.

Le notizie SPAZZATURA circolano sempre più su questo canale sociale, e la colpa è di ognuno di noi.

Linkedin VS Facebook: cosa vogliono da noi?

AAEAAQAAAAAAAATsAAAAJDdkYzNhNGQ5LWZjZjQtNDhjYi05OTg4LWI0MzcwOTQxOGYxNA Linkedin NON è Facebook

Diamo una rapida occhiata a punti essenziali dei due social.

Linkedin: non gliene frega assolutamente NULLA di cosa ci piace, ci chiede semplicemente di diffondere e/o consigliare argomenti utili alle tue connessioni professionali.
A quale scopo? Creare ancora più connessioni professionali, dandoci la possibilità di creare business.

Facebook: non gliene frega assolutamente che Tu diffonda/metta mi piace a notizie professionali, il suo obiettivo è farti parlare di contenuti per potertene offrire altri che catturino la tua attenzione.
A quale scopo? Dare “in pasto” le tue preferenze ad aziende che possano far arrivare casualmente a Te le loro proposte.

Avete notato qualcosa di Importante nelle due mini descrizioni?
Ricordate gli Amici di Facebook? Ecco, in Linkedin si chiamano connessioni professionali, e non a caso.

Detto ciò, vi state chiedendo se alcune volte avete lascito che la vostra parte fun avesse il sopravvento su quella professionale anche in Linkedin?
Magari è anche per qualche Consiglia di troppo che ci troviamo nella nostra Home notizie poso professionali.

Ogni social vive delle sue relazioni significative, quelle che creiamo noi stessi quando decidiamo di dare il nostro contributo su ognuno di essi.

Se vogliamo ripulire Linkedin da notizie SPAZZATURA facendolo tornare in giacca e cravatta, poniamo attenzione a ciò che consigliamo.
Se la nostra Home consiglia contenuti irrilevanti, non diamo il nostro contributo alla sua diffusione perché 1 contenuto SPAZZATURA ha la velocità di diffusione 5 volte più forte di altri.

Pensiamo alla regola del social media:
OGNI SOCIAL HA REGOLE PROPRIE. RISPETTIAMOLE.

 

Se pensi che questo contenuti NON sia SPAZZATURA,
consiglialo alla tua rete professionale!

Chantal Vighi